Cristina Giotto presenta Swiss Virtual Expo a Metega

METEGA CRISTINA GIOTTO – Cristina Giotto ha avuto l’onore di essere intervistata da Metgega, un’azienda svizzera specializzata in ambiziosi progetti IoT. Nel corso del suo intervento ha parlato del metaverso di Swiss Virtual Expo promosso da ated-ICT Ticino, di cui Cristina è Presidente e Direttore. Di seguito un estratto dell’intervista.

E cosa intendete voi di ated ICT Ticino per Metaverso? Cosa ha spinto ated ad iniziare questa esperienza avventurosa della costruzione di un Metaverso, essendo il concetto ancora così avveniristico e poco definito?

Rivela Cristina Giotto, Presidente e Direttore di ated-ICT Ticino, oltre che ideatrice di Swiss Virtual Expo: «A ben vedere la direzione indicata da Mark Zuckerberg due settimane dopo il lancio del nostro Swiss Virtual Expo è decisamente in linea con altre esperienze immersive, che anche nel nostro territorio elvetico si stanno sperimentando con grande successo  Il nostro Swiss Virtual Expo, infatti, aperto quasi un anno fa al pubblico e vincitore del Grand Prix Möbius Editoria Mutante si basa proprio sul metaverso. Swiss Virtual Expo è la prima esposizione digitale promossa nella Confederazione Elvetica, in cui le aziende ticinesi, Svizzere e internazionali hanno la possibilità di presentarsi e promuoversi nel mercato domestico e globale. In un metaverso, ovvero in uno spazio immersivo, che gli utenti possono esplorare come fosse un evento tradizionale, si trovano aree dedicate a seminari e workshop in diretta o on-demand, oltre a stand, padiglioni e showroom personalizzati di varie dimensioni. Un luogo virtuale che ha la possibilità di realizzare ambientazioni più grandi di mezzo milione di metri quadri, capaci di ospitare fino a 12 padiglioni, 700 stand e 100 showroom, con emissioni di CO2 ridottissime. Un risultato che è francamente inimmaginabile nel mondo reale, ma che promuoviamo con grande orgoglio perché è nel DNA della nostra associazione ated-ICT Ticino essere un po’ visionari e sempre sulla frontiera dell’innovazione».

Qual è il valore aggiunto che Swiss Virtual Expo può portare al territorio svizzero e ticinese e al suo tessuto imprenditoriale?

«Swiss Virtual Expo diventa di fatto un nuovo canale di comunicazione e marketing digitale, oltre ad essere un luogo immersivo da visitare e conoscere per “fare business” anche per le realtà ticinesi ed elvetiche. Ad oggi, il canale di digital marketing più vicino al metaverso è sicuramente quello composto dai social media. Ma essere presenti, ad esempio su social come Instagram o LinkedIn, richiede di indirizzare molte risorse economiche e tutti gli sforzi creativi verso quella specifica community, presente su quel canale. Mentre, l’opportunità di essere in un marketplace nel metaverso, o in Swiss Virtual Expo, è che ogni espositore virtuale beneficia delle attività dell’altro espositore e della comunicazione complessiva dell’Expo. È un po’ come aprire uno shop fisico in una strada di campagna, oppure all’interno di un centro commerciale. Nel marketing il “posizionamento” è, infatti, una variabile molto strategica per promuoversi al meglio in un mercato che non ha più confini ed è globale».

Per leggere l’intervista integrale  —> Swiss Virtual Expo il primo metaverso “made in Ticino”